Scroll to top
it

Resina per sigillature

Le resine per sigillature sono fondamentali per ottenere una pavimentazione o una lavorazione particolare capace di durare nel tempo. Sigillare una pavimentazione in porfido significa generalmente riempire le fughe tra i vari elementi in porfido con boiacca cementizia, ovvero sabbia unita al cemento.

Da più di 20 anni, però, C.A.P.A. offre ai suoi clienti una tecnologia più avanzata, utilizzando la resina, un prodotto tecnicamente superiore a qualsiasi altra tipologia di stuccatura.

I Vantaggi delle resine per sigillature

Le resine per sigillature hanno alcune proprietà uniche:

  • l’elasticità è una caratteristica che permette di evitare le varie crepe o fessure che nel tempo si vanno a creare in una pavimentazione sigillata con cemento o boiacca.
  • resistenza ai carichi pesanti, agli acidi, ai sali e al gelo: nel tempo queste caratteristiche fanno la differenza e determinano la durata stessa di ogni pavimentazione esterna in porfido. Grazie alle resine per sigillature, nelle zone di montagna l’utilizzo del sale per far sciogliere ghiaccio e neve non sarà più un problema.
  • rapida carrabilità: bastano 24 ore affinché la pavimentazione in porfido possa essere aperta al passaggio delle macchine.
  • drenante o non drenante: abbinata alla graniglia, la resina rende la pavimentazione altamente drenante lasciando filtrare velocemente le acque che andranno a disperdersi nel sottofondo (in caso di massetto possono essere convogliate sullo stesso tramite adeguate pendenza). Al contrario possiamo prevedere un trattamento particolare che rende la pavimentazione impermeabile ove serva indirizzare le acque in superficie negli scoli predisposti.
  • fonoassorbente: grazie alla sigillatura in resina la pavimentazione in porfido risulterà molto meno rumorosa al passaggio dei mezzi.

Scopri i prezzi delle resine per sigillature!

ALCUNI LAVORI

Sigillatura delle fughe con la resina

La sigillatura con resina viene effettuata principalmente sulle pavimentazioni realizzate con cubetti di porfido. Come materiale di allettamento si utilizza del pietrischetto, detto anche “risetta”, con pezzatura indicativa mm 3/7, i singoli cubetti vengono posati con una distanza leggermente maggiorata rispetto ad una posa tradizionale in cemento. Una volta ultimata la posa in opera, i cubetti vengono vibrati con un’apposita piastra meccanica in modo da fissarli ulteriormente al terreno.

A questo punto le fughe vengono intasate con della graniglia in porfido asciutta e lavata, con pezzatura indicativa mm 2/4, per poi essere resinate manualmente con una colata allo stato semiliquido che nel giro di poche ore renderà la pavimentazione resistente e duratura nel tempo.

Manutenzione

Come consigliato per ogni pavimentazione in porfido, è sufficiente mantenere pulita la superficie utilizzando l’acqua o in alternativa l’idro-pulitrice per una detersione più profonda. Sconsigliamo l’utilizzo di detergenti o acidi che andrebbero a rovinare la sigillatura in resina tra un cubetto e l’altro.

ALTRI PRODOTTI

C.A.P.A. Porfido è a tua disposizione

Per qualsiasi necessità, informazione o preventivo non esitate a contattarci.



CALCOLA PREZZI ONLINE